Evento “Everything Happens To Me” dedicato a Max Urbani – Ghaleb Editore Vetralla

Si è svolta ieri, a partire dalle 18,30 a Vetralla, nel Giardino di Palazzo Paolocci, sede della casa editrice “Davide Ghaleb Editore”, di Davide Ghaleb, organizzatore dell’evento assieme con lo scrittore e poeta Dani Larsen, una serata dedicata a Massimo Urbani.

Prima del tramonto una serie di artisti che pubblicano per la “Ghaleb Editore”, e cioè Teresa De Leonardis, lo stesso Dani Larsen, Simon Duha, Francesco Mancuso, Fabio Mulas e Alfideo Fochetti, hanno letto degli estratti dalle loro opere, ognuno di loro ispirandosi al tema della serata ed omaggiando quindi il grande sassofonista di origine monterosina.

Un intermezzo fra i vari interventi è stato allietato dall’esecuzione di due brani eseguiti al clarinetto dal neo-laureato al Conservatorio di Santa Cecilia, il bravissimo Samuele Lorenzo Tamantini.

Fra un brano e l’altro, il presidente dell’Associazione MUJIC, Luca Marino, ospite dell’evento, ha avuto modo di raccontare la missione dell’associazione, un po’ della storia artistica di Massimo Urbani ed il tema della pièce teatrale che sarebbe stata proiettata da lì a poco.

A sorpresa, dopo la distribuzione degli attestati di partecipazione, si è presentato all’evento  un giovane ma già grandissimo esponente del jazz italiano: il vincitore del Premio Internazionale Massimo Urbani edizione 2022, il sassofonista contralto Antonio Ottaviano.

A quel punto non si poteva non invitare Antonio ad eseguire una breve performance con il suo strumento: complice la presentatrice dell’evento, la brava attrice Meriam Kermali, in maniera del tutto “improvvisata” nella migliore tradizione jazz, Antonio ha intonato un sottofondo musicale ispirato dalla bellissima atomosfera che si era creata mentre Meriam leggeva, con intensa interpretazione, il testo del brano di Chet Baker che dava anche il titolo alla serata: “Everything happens to me”. Una forte emozione ha pervaso gli animi di tutti i partecipanti presenti al Giardino.

Giunti ormai alle ore notturne, dopo un break in cui si è condiviso un bicchiere di vino e delle bruschette, è iniziato, puntuale alle 21,30, la proiezione, in prima assoluta, della pièce teatrale-musicale  “Go Max Go: una vita appesa a un feeling” prodotta appunto dalla MUJIC con il supporto della Regione Lazio.

Un forte applauso spontaneamente partito sull’ultima immagine del filmato, è stato l’indice del grande apprezzamento del lavoro cinematografico ed in generale dell’intero evento, da parte del pubblico.

Qui un video che sintetizza l’evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Privacy Policy

Developed by Luca Marino  for  MUJIC -  Associazione senza fini di lucro con c.f. 90130240568

Iscriviti alla newsletter

error: Content is protected !!