Buon Natale e felice 2021 e cosa abbiamo fatto nel 2020

Cari Max’s lovers,

siamo arrivati alla fine di questo faticoso anno: veramente tutto in salita. La nostra associazione aveva incominciato con 2 concerti dedicati a Max a febbraio ed una proiezione del film “Massimo Urbani nella fabbrica abbandonata” di Paolo Colangeli, nel cine-teatro “Antica Janula” di Castel Sant’Elia programmata il 9 marzo…cancellato per lockdown 3 giorni prima!
Da quel momento, come per tutti, soprattutto quelli che si occupano di diffondere cultura musicale, è stato un calvario.

Nonostante tutto però dobbiamo ammettere che siamo riusciti comunque a portare avanti molte attività (perdonate il lungo elenco ma il “fine anno” è sempre un momento di consuntivi!):
  • ottenute tutte le autorizzazioni formali (RFI e Dip. Ambiente del Comune di Roma) per realizzare il murales di Max al Giardino Massimo Urbani. Manca ora solo il momento per eseguire questa opera nel rispetto delle regole COVID. Dovremo sicuramente aspettare che la morsa delle restrizioni si allenti per la realizzazione (e sperare che arrivino anche altre risorse per finanziare il progetto)
  • Il cortometraggio dedicato a Max , è stato premiato a marzo durante una cerimonia ufficiale al Campidoglio,  essendo arrivato tra i finalisti alla XIII edizione del Premio Letterario Alberoandronico sez. M cortometraggi.
  • In maniera provocatoria ma con grande successo, abbiamo lanciato una campagna di raccolta firme su change.org per realizzare una scuola di musica intitolata a Massimo Urbani nell’edificio fatto sgomberare a Casapound: 1500 firme in 10 gg che ci ha permesso di scrivere una lettera alla sindaca Raggi per considerare seriamente la proposta! Per altro l’unico aggiornamento (vecchio ormai di 3 mesi!)  che abbiamo a riguardo è: “la sua richiesta prot. RA/ 30353 del 18/06/2020 è stata inviata in pari data all’Assessore alla Crescita Culturale Luca Bergamo, per le valutazioni di competenza“. Da allora più nulla. Ma noi non molleremo!
  • Ad agosto abbiamo rinnovato la convenzione per l’adozione del Giardino Massimo Urbani con il Comune di Roma.
  • La discoteca all’interno della sede dell’associazione si è arricchita di tantissimi titoli grazie anche al contributo, con migliaia di CD con registrazioni live di concerti jazz da tutto il mondo, provenienti dalla collezione di Sandro Piangiarelli.
  • grazie ai preziosi contributi di Maurizio Zazzarini, Roberto Del Piano, Gianni Cazzola, Robert Nissim, Furio di Castri ed altri, siamo riusciti a raccogliere molto materiale audio che speriamo un giorno diventi un CD di inediti di Max!
  • con il grande Stefano Di Battista, nel suo magnifico ristorante, abbiamo organizzato una stupenda serata dedicata a Max con tantissimi ospiti giganti del jazz italiano!
  • il tenace Eugenio Rubei, patron dell’Alexanderplatz, anch’esso fortemente colpito da queste continue chiusure, ci ha dato la possibilità di distribuire in escusiva il CD dell’ultimo concerto fatto da Max a maggio del 1993 prima della sua tragica scomparsa il mese successivo. Il CD si può acquistare qui. Se lo acquistate sosterrete sia l’associazione MUJIC che il club jazz tra i più importanti al mondo!
  • a proposito dell’ultimo concerto, siamo riusciti a realizzare, con l’aiuto dell’Associazione musicale l’Esacordo di Giuseppe Salerno, e con il contributo della Regione Lazio, lo spettacolo teatrale-musicale “Go Max Go: una vita appesa a un feeling” tratto dal libro di Paola Musa e con la regia di Andrea Tidona che è anche l’attore – voce narrante nella pièce,  con un trio live fantastico costituito da Maurizio Urbani, Dario Rosciglione e Bruce Ditmas. Avete tempo fino alla mezzanotte del 31/12 per vederlo! Dati i ridotti spostamenti e la poca compagnia possibile vi consiglio la combinazione dell’ascolto del CD e della visione dello spettacolo in streaming…tutta la storia parte infatti da quel famoso concerto!
  • per concludere, in collaborazione con l’Associazione Alberoandronico di Pino Acquafredda ed il Comitato di Quartiere Monte Mario-Trionfale di Rita Longobardi, abbiamo allestito un bell’albero di Natale al centro del Giardino Massimo Urbani a Roma: un allestimento particolare perché, oltre alle solite palline e ghirlande, appesi ai rami ci sono anche le copertine di alcuni (non tutti!) dischi di Max durante la sua breve ma poderosa carriera!

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *